Concorsi Centri per l’Impiego – 11.600 Nuove Assunzioni

Pubblicità

Le nuove assunzioni sono state confermate dal Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo durante un’intervista, in cui ha spiegato che, con l’introduzione del reddito di cittadinanza, c’è bisogno di incrementare il personale operativo dei centri per l’impiego.

Infatti, l’obiettivo è aggiungere agli attuali 8.000 operatori altri 11.600.

Inoltre, a Febbraio 2021 anche il nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi ha ribadito la necessità di nuove assunzioni per i Centri per l’Impiego per rafforzare i servizi sulle politiche attive del lavoro.

Come saranno gestite le nuove assunzioni?

Come spiegato dal Ministro del Lavoro, è compito delle singole regioni bandire i concorsi ed avviare le selezioni per il personale.

Inoltre, alcune regioni sono già partite con le assunzioni, infatti tra i concorsi già attivi o conclusi per il potenziamento dei Centri per l’Impiego ci sono:
– 1.214 Posti Regione Lombardia;
– 948 Posti Regione Puglia;
– 641 Regione Campania;
– 355 Regione Lazio;
– 61 Regione Marche.

Infine, anche per il prossimo Concorso Regione Sicilia sono previsti nuovi posti da inserire nei Centri per l’Impiego.

I nuovi posti saranno a tempo indeterminato?

Sì, ad eccezione del Concorso a tempo determinato per l’ARPAL Puglia, tutti i prossimi concorsi dovrebbero avere posti a tempo indeterminato.

Quale sarà il titolo di studio richiesto?

Il personale richiesto dovrà essere altamente qualificato, quindi nella maggior parte dei casi sarà necessario il possesso della laurea per partecipare ai concorsi.

In ogni caso, tutti i concorsi già banditi prevedono profili a cui è possibile accedere con il possesso del diploma.

Quali sono i profili professionali previsti dai Concorsi Centri per l’Impiego?

Nei concorsi già banditi che abbiamo esposto in precedenza, i profili professionali erano:
– assistenti del mercato del lavoro (aperto ai diplomati);
– specialisti del mercato del lavoro (aperto ai laureati).

Come saranno articolati i concorsi?

L’iter dei concorsi già banditi prevedeva sempre:
– prova preselettiva;
– prova scritta;
– orale.

Inoltre, per avere maggiori informazioni sull’iter di un singolo concorso è necessario aspettare l’uscita del relativo bando.

Su quali materie verteranno le prove?

Gli argomenti maggiormente richiesti ai Concorsi Centri per l’Impiego sono:
– diritto amministrativo, diritto pubblico e del lavoro;
– diritto costituzionale;
– ordinamento degli enti locali;
– legislazione statale e regionale in materia di servizi al lavoro.

Inoltre, potrebbero essere presenti quesiti di logica e cultura generale durante la prova preselettiva.

Verranno pubblicate banche dati per le prove preselettive?

La pubblicazione di una banca dati per la prova preselettiva è a discrezione dell’ente che ha bandito il concorso.

Quali sono i concorsi in uscita?

Tutte le regioni che non hanno ancora bandito i Concorsi Centri per l’Impiego sono state sollecitate dal precedente Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo.

Inoltre, a Febbraio 2021 anche il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato che sono state già stanziate le risorse per l’assunzione di 300 unità di personale per la Regione Toscana.

Infine, sono previsti a breve anche i bandi per le regioni:
– Umbria;
– Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: